SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI
  • Durata: 2 anni
  • Requisiti per l'ammissione: Laurea in Giurisprudenza
  • Didattica: e-learning e in presenza (la didattica in presenza sarà articolata in sessioni formative intensive, così da conciliare studio ed altre attività professionali).

Obiettivi formativi

In attuazione del D.M. n. 537 del 21 dicembre 1999 ed il parere favorevole del CUN nell’adunanza del 03 aprile 2019, è attivata la Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali dell’Università Telematica Pegaso srl, dall’A.A. 2019/2020 in convenzione con l’Università telematica “Universitas Mercatorum”.

La Scuola si propone di promuovere e sviluppare negli iscritti l'insieme delle attitudini e competenze costitutive della professionalità dei magistrati ordinari, degli avvocati e dei notai. A tal fine, la Scuola svolge attività didattica, organizzata in moduli, finalizzata agli approfondimenti teorici e giurisprudenziali nelle materie di insegnamento indicate nell’ordinamento didattico e cura lo svolgimento di attività pratiche, quali esercitazioni, discussione e simulazioni di casi, stages e tirocini, discussione pubblica di temi, atti giudiziari, atti notarili, sentenze e pareri redatti dagli allievi.

La Scuola persegue il suo scopo con appropriata metodologia idonea a sviluppare negli studenti la concreta capacità di risolvere specifici problemi giuridici, anche organizzando l'attività didattica presso studi professionali, scuole di notariato riconosciute dal Consiglio Nazionale del notariato e sedi giudiziarie, secondo le convenzioni tra l'Università (sede amministrativa della Scuola), gli ordini professionali, le scuole del notariato, gli uffici competenti dell’amministrazione giudiziaria.

L’attività didattica è svolta presso la sede di Napoli dell’Università Telematica Pegaso srl e presso la sede di Roma dell’Università Telematica “Universitas Mercatorum”, in modalità in presenza e e-learning. La didattica in presenza sarà articolata in sessioni formative intensive, così da conciliare studio ed altre attività professionali.

Durata

La Scuola ha la durata di due anni, non suscettibili di variazioni né di abbreviazioni ed è articolata in un primo anno comune e in un secondo anno in cui sono previsti i due seguenti indirizzi:

  • giudiziario-forense;
  • notarile. 

La frequenza alle attività didattiche della Scuola è obbligatoria. Parte delle attività saranno svolte in e-learning e la didattica in presenza sarà articolata in sessioni formative intensive, così da conciliare studio ed altre attività professionali.

Ammissione

L'accesso avviene tramite selezione pubblica per titoli ed esame.

Il bando di concorso del 03 luglio 2019, del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, di concerto con il Ministro della giustizia, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 61 del 02 agosto 2019, per l’A. A. 2019/2020, ha stabilito che il numero dei laureati in giurisprudenza da ammettere alla Scuola istituita presso l’Università Telematica Pegaso srl, è di 40 (quaranta). Al concorso sono ammessi coloro i quali hanno conseguito il diploma di laurea in Giurisprudenza secondo il vecchio ordinamento e coloro che hanno conseguito la laurea specialistica o magistrale in Giurisprudenza sulla base degli ordinamenti adottati in esecuzione del Regolamento di cui al Decreto del Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica del 3 novembre 1999, n. 509 e successive modificazioni, in data anteriore al 24 ottobre 2019.

Può essere presentata domanda di partecipazione con riserva, ove il candidato non sia in possesso del titolo accademico prescritto nel termine suddetto, ma lo consegua comunque in data anteriore alla prova d’esame, fissata per il 24 ottobre 2019. Per l’ammissione al concorso dei candidati di cittadinanza straniera si applicano le norme vigenti in materia. La domanda di partecipazione dovrà essere presentata entro e non oltre il 04 ottobre 2019.

Secondo quanto disposto dal suddetto bando di concorso consulta il decreto rettorale, nel quale verranno esplicitati i modi e i tempi per la presentazione della relativa domanda.

Documenti consultabili